L’ ANGOLO DI GIACOMO

 

13NOVEMBRE22 

MILAN-FIORENTINA 2-1

 

Con qualche sofferenza e una buona dose di fortuna il Milan si mette così alle spalle il passaggio a vuoto di Cremona e limita i danni in vista del lungo stop per i Mondiali, garantendosi il secondo posto in classifica almeno fino a gennaio. La Fiorentina cade dopo tre vittorie consecutive e lo fa nella maniera più beffarda possibile, anche se Italiano si può consolare con un’altra prova gagliarda. Il Milan parte a 1000 all’ora e dopo 2′ è già avanti: splendida sponda di Giroud per Leao, che apre in due la difesa viola e trafigge Terracciano con un destro piazzato. Gli ospiti reagiscono immediatamente, prima impegnano Tatarusanu con Cabral, poi si disperano per un palo centrato in pieno da Biraghi, servito sulla corsa da Barak. Il Milan sembra un po’ in confusione, fatica a imbastire nuove azioni offensive e subisce il gioco degli avversari, che al 28′ trovano il meritato pareggio: bell’affondo di Ikone sulla destra, pallone per Barak che in qualche modo si gira, calcia e trova la deviazione decisiva di Thiaw infilando l’1-1 sotto la pancia di Tatarusanu. Il match è molto ruvido, fisicamente intenso, ma anche molto spezzettato. Il Milan ha un paio di sussulti nel finale di frazione e al 45′ va vicinissimo al 2-1 con un inserimento di Diaz, ma il pallonetto dello spagnolo è allontanato da Venuti a pochi centimetri dalla linea di porta. La squadra di Pioli riparte forte a inizio ripresa e dopo 5′ va ancora a un passo dal raddoppio, ma la zampata di Giroud trova la risposta d’istinto di Terracciano che salva i suoi. Pioli prova a tenere il piede sull’acceleratore inserendo Origi e Dest al posto di Diaz e Thiaw per aumentare il peso offensivo della sua squadra. Italiano risponde con Duncan e Jovic, che al 70′ crea i presupposti per il quasi autogol di Kalulu, sulla cui deviazione deve impegnarsi Tatarusanu. La partita si regge su un equilibrio delicato, anche se è sempre il Milan a spingere di più: al 72′ Giroud va vicino al super gol in sforbiciata, ma colpisce in maniera troppo sporca e il pallone si spegne sul fondo. Al 78′ la chance più clamorosa capita sul destro di Leao, che dal cuore dell’area, completamente solo, spara in curva. Nessuna delle due squadre sembra disposta ad arrendersi e all’89’ è la Fiorentina ad assaporare il clamoroso ribaltone, ma Tomori cancella la conclusione a botta sicura di Ikoné quasi sulla linea di porta. Il pareggio sembra il risultato più scontato, ma al 92′ avviene l’imponderabile: sul cross di Vranckx esce a vuoto Terracciano, ostacolato anche dallo stacco di Rebic, il pallone rimbalza, colpisce Milenkovic e si insacca nella porta rimasta sguarnita. Check del Var tra le mille proteste dei viola per fallo sul portiere, ma Sozza convalida e San Siro può esultare. Ora dobbiamo assolutamente riprendere le forze sono stati 3 mesi intensissimi con decine di partite, appuntamento al 2023 destinazione Salerno. Forza Milan a tutti noi dal Milan Club Monopoli e dal Milan Clubs Puglia AIMC ❤️🖤