BRACCIO DI FERRO TRA IL MILAN E IBRA

In superficie all’apparenza sembra che tutto taccia, ma nel profondo c’è un grande lavoro di mediazione tra avvocati e legali per provare a trovare la quadra giusta sul rinnovo di Zlatan Ibrahimovic. È una questione prettamente economica, in mano agli uomini Elliott e agli avvocati del giocatore, ma c’è ancora chi potrebbe indirizzare la trattativa a favore dei rossoneri e dare un’accelerata all’operazione di prolungamento. Paolo Maldini con la sua influenza potrebbe “consigliare” lo svedese di rivedere le sue richieste, convincerlo che tirare troppo la corda non sarebbe utile a lui né al club.

PIOLI: LE BASI PER LA RINASCITA CI SONO GIA’

Fosse per lui, probabilmente, Stefano Pioli non la terminerebbe qui la stagione. Del resto, il suo Milan dopo il lockdown ha davvero volato: il 3-0 con cui i rossoneri si sbarazzano a San Siro del Cagliari è la nona vittoria dalla ripresa del campionato, dodicesimo risultato utile consecutivo per Donnarumma e compagni che chiudono il torneo al sesto posto con 66 punti complessivi (42 nel ritorno). Insomma, i motivi di soddisfazione per il tecnico che ha sostituito Marco Giampaolo sono davvero tanti. “I ragazzi sono stati eccezionali, un girone di ritorno fantastico con ottime prestazioni – sottolinea l’allenatore del Diavolo intervistato da Milan TV -. Al di là dei risultati positivi è stato importare creare una mentalità, deve essere una base su cui costruire un futuro ancora più soddisfacente”. “Non dite a Ibra che è vecchio…”  L’analisi di Pioli si sofferma quindi sulla produzione offensiva del Milan. “Abbiamo fiducia e convinzione, serve anche la qualità. Vuol dire che abbiamo questi valori. Chiudiamo la stagione con soddisfazione. Speravamo di non dover fare i preliminari ma li affronteremo con convinzione. Dobbiamo limare il gap con i primi”, le parole del tecnico emiliano, che poi rimarca il record di Zlatan Ibrahimovic, il giocatore più anziano ad aver raggiunto la doppia cifra di reti in una singola stagione in Serie A: “Non diteglielo che è il più vecchio ad aver segnato 10 gol in Serie A – dice Pioli sorridendo – È un campione in tutto quello che fa, ci ha dato un contributo importantissimo. I nostri miglioramenti sono andati di pari passo, individualmente e collettivamente. I ragazzi avranno un meritato riposo, ma presto dovranno riprendere ad allenarsi a casa come durante il lockdown”. L’allenatore che si è guadagnato a suon di risultato il prolungamento di contratto scacciando il fantasma di Rangnick che aleggiava su di lui ha le idee chiare anche sul futuro. “Possiamo migliorare su tante cose, dobbiamo consolidare quello di buono fatto quest’anno ma dobbiamo già pensare a migliorare. Ci conosceremo sempre meglio, questa squadra deve migliorare e non penso che se l’anno prossimo dovessimo arrivare di nuovo sesti saremmo contenti. L’obiettivo per la prossima stagione?  L’obiettivo è migliorare e crescere, essere consapevoli di essere un grande club – conclude Pioli -. Non vediamo l’ora di ritrovare i nostri tifosi”. 

LE BASI PER LA RINASCITA

Il Milan parte forte e dopo essersi affacciato subito dalle parte di Cragno, trova il vantaggio all’11 grazie all’autogol di Klavan: Leao colpisce il palo calciando in diagonale e il difensore è sfortunato nel rimpallo, mandando il pallone nella sua porta. Leao è ispiratissimo e al 24′ trova una traversa incredibile con una rovesciata. Un’acrobazia straordinaria, respinta soltanto dal legno. Leao, il più ispirato della serata, è costretto a uscire per infortunio al 38′ e cinque minuti più tardi la squadra di Pioli ha la possibilità di raddoppiare su calcio di rigore. Ibrahimovic, però, dagli undici metri si fa ipnotizzare da Cragno, che blocca adirittura la sfera e tiene a galla il Cagliari. Ad inizio ripresa Calhanoglu si divora il 2-0: Ibra crossa per il turco, che calcia tutto solo in area ma spara clamorosamente sopra la traversa. Al decimo del secondo tempo Ibrahimovic si fa perdonare l’errore precedente e sigla il 2-0 con un bolide dal limite dell’area imparabile per Cragno. Due minuti più tardi arriva il tris rossonero: Bonaventura serve il pallone rasoterra dalla destra, Castillejo controlla e di mancino mette in rete.

IBRA, ED IL MILAN TORNA IN EUROPA

Il Milan non si ferma. Ottava vittoria in undici partite per i rossoneri che in questo post-lockdown non hanno ancora perso. Al Ferraris di Genova, a farne le spese è una Sampdoria appagata dalla salvezza e imprecisa sotto porta. Finisce 4-1 per la squadra di Pioli che, grazie a questo successo, chiude il discorso sesto posto, col Napoli lontano 4 lunghezze a un turno dalla fine. A trascinare il diavolo ci ha pensando il solito Ibrahimovic, autore di due gol e un assist per Calhanoglu, nel recupero poker di Leao. Nella ripresa c’è gloria anche per Donnarumma che para il secondo rigore consecutivo dopo quello con l’Atalanta, il quarto in questa stagione.

IL DIAVOLO E LA DEA: PARI E PATTA

Finisce pari la sfida tra due delle protagoniste del dopo lockdown. L’1-1 tra Milan e Atalanta è il risultato giusto di un match che prometteva più spettacolo di quello che poi effettivamente è stato. I gol arrivano nel primo tempo: sblocca Calhanoglu, risponde Zapata dopo che Donnarumma aveva parato un rigore a Malinovskyi.  Con questo risultato i rossoneri non riescono a superare la Roma quinta e rimangono un punto sotto. I bergamaschi, invece, rosicchiano un solo punto alla Juve capolista, ora a +5, impegnata domenica contro la Sampdoria.

IBRA FA IMPAZZIRE I ROSSONERI

Zlatan Ibrahimovic non usa mai frasi banali e nelle dichiarazioni del post-partita di Milan-Juventus lo dimostra ancora una volta: “Se arrivavo al Milan dal primo giorno, vincevamo lo scudetto”. L’attaccante svedese, ha pure confermato l’addio al termine di questa stagione: “Vediamo, c’è ancora un mese per divertirmi. Ci sono cose che stanno succedendo qua di cui non siamo in controllo, mi dispiace per i tifosi, può essere l’ultima volta che mi vedono dal vivo. Leggete tra le righe… A 38 anni non ho più il fisico di prima e non riesco a fare più ciò che facevo prima. Ci arrivo con l’intelligenza. Ma se faccio la differenza non mi piace, non sono qui per fare la mascotte: voglio portare risultati a club e tifosi. Giocare senza tifosi è brutto, oggi avrebbero potuto divertirsi con noi.

DIAVOLO, CHE BELLA PROVA

 

LAZIO-MILAN 0-3

Il Milan stende la Lazio all’Olimpico e ferma i biancocelesti nella corsa scudetto con la Juve. La squadra di Stefano Pioli vince 3-0 all’Olimpico grazie ai gol di Calhanoglu (23’), Ibrahimovic (34’, su rigore) e Rebic (59’) mettendo in mostra una grande organizzazione di gioco in attacco ma anche una notevole compattezza difensiva. Per la Lazio di Simone Inzaghi, al primo ko interno stagionale in campionato, troppo pesanti le assenze per squalifica di Immobile e Caicedo che hanno tolto certezze alla fluida manovra offensiva dei biancocelesti. Uno stop che, soprattutto, complica moltissimo la corsa allo scudetto della Lazio: ora la Juve,  è a +7 sui biancocelesti a otto gare dalla fine del campionato. Per i rossoneri di Pioli, invece, sono tre punti fondamentali nella corsa all’Europa e che in attesa delle gare di domani permettono al Milan di salire al sesto posto in classifica a quota 46 punti, superando il Napoli di Gattuso.

MILAN: PICCOLO, PICCOLO

In un Allianz Stadium deserto, la semifinale di Coppa Italia Juventus-Milan termina senza reti: in virtù del pareggio per 1-1 dell’andata a San Siro, sono gli uomini di Sarri a conquistare la finale. Nel primo tempo Ronaldo sbaglia un rigore fischiato per fallo di mano di Conti. 

SUPERPIPPO IN GIRO PER MONOPOLI

Ragazzi e ragazze, lo so che per voi potrebbe essere insignificante ma per me e tanti di noi non lo è sicuramente. Non lo può essere. Specialmente pochi giorni dopo il 13simo anniversario della finale di Champions League allo stadio Olimpico di Atene in una storica e indimenticabile doppietta personale. La settima Champions League del Milan. Stasera, nel centro storico di Monopoli abbiamo l’onore di avere Pippo Inzaghi, per gli appassionati milanisti “Alta Tensione” (soprannome di Carlo Pellegatti), accanto al nostro carissimo Presidente del Milan Club Monopoli Giovanni Greco. Monopoli alzati in piedi e canta ancora come quella notte insieme a noi: “ohioioi ohiohioioi Pippo Inzaghi segna per noi..” Grazie di essere tra noi Pippo, Pippo mio ❤️🖤

BUON COMPLEANNO CAPITANO

 60 anni sono gioie, identità, vittorie ed emozioni. 60 anni sono le pieghe della vita tra le pagine più belle di una storia che hai scritto insieme a noi. 60 anni sono orgoglio, stile, sudore, sacrifici, trionfi. Sono i colori di una maglia sempre intatta. 60 anni sei tu che 6 e resterai per sempre il nostro Capitano. Buon compleanno Capitano da tutti e tutte noi del MILAN CLUB MONOPOLI 🖤🖤