PAURA DI NON VINCERE

Finisce senza reti il big match della 23^ giornata di Serie A: a San Siro, Milan-Juventus 0-0. Poche emozioni nel posticipo tra due squadre preoccupate più dall’importanza di non perdere lo scontro diretto piuttosto che di creare occasioni.Da segnalare nel corso dei novanta minuti due parate sicure di Szczesny, prima su Leao e poi su Giroud, e due conclusioni a lato per i bianconeri con Dybala e Morata. Milan terzo!!!

SERRA: SCUSE NON ACCETTATE!!!

Succede tutto al 92° minuto, sul punteggio di 1-1 e con il Milan proteso all’attacco in cerca del gol partita che varrebbe il sorpasso in classifica sull’Inter. Rebic ha la palla buona al limite, ma viene contrastato fallosamente da dietro. Nemmeno il tempo di un respiro e Messias infila con un sinistro a giro Provedel. Tutto buono? Manco per sogno, perché l’arbitro Serra, incautamente, ferma il gioco con qualche centesimo di secondo di anticipo proprio per sanzionare con una punizione il fallo su Rebic: gioco fermo e niente gol per Messias, tra la disperazione dei giocatori rossoneri e le scuse, immediate, del direttore di gara che si rende conto di averla combinata grossa. A stretto giro di posta, l’Aia si sarebbe scusata con il Milan per l’accaduto e per l’arbitro, tra l’altro visionato da Gervasoni, vice del designatore Rocchi a San Siro, sarebbe in arrivo un lungo stop. 

IL MILAN SOFFRE, MA VA AI QUARTI

Il Milan ha battuto 3-1 il Genoa ai supplementari qualificandosi per i quarti di Coppa Italia. Rossoneri costretti alla rimonta a San Siro contro l’ex Shevchenko dopo il gol al 17′ di Ostigard. Il pareggio al 74′ porta la firma di testa di Giroud, ma è nella mezz’ora supplementare che i rossoneri operano il sorpasso. Leao al 102′ sbaglia un cross e beffa Semper all’incrocio, poi Saelemaekers al 112′ cala il tris. Ora la vincente di Lazio-Udinese.

 

LAGUNA ROSSONERA

Nel primo anticipo della 21^ giornata di Serie A, il Milan batte 3-0 il Venezia e resta in scia all’Inter, tornata a +1 dopo la vittoria sulla Lazio, ma con ancora una gara da recuperare. Tutto facile al Penzo per i rossoneri, che passano dopo 2′ con Ibra. A inizio ripresa Theo Hernandez trova il raddoppio di sinistro (48′) e al 59′ fa doppietta realizzando il rigore assegnato per un parata di mano di Svoboda (espulso) sulla linea proprio dopo una sua conclusione.

 

UNO SCUDETTO PER DUE

Il Milan non sbaglia e resta in scia all’Inter. Nella 19^ giornata di Serie A la squadra di Mister Pioli batte l’Empoli 2-4, stacca il Napoli e chiude l’andata al secondo posto. Al Castellani nel primo tempo Kessie sblocca la gara, poi firma il raddoppio dopo il momentaneo pareggio di Bajrami. Nella ripresa Bajrami centra una traversa, poi Florenzi e Theo Hernandez chiudono il match. Ora il Diavolo si mette all’inseguimento dei nerazzurri.

IBRA SALVA IL MILAN AL 92°

Il Milan non riesce a lasciarsi alle spalle le scorie dell’eliminazione in Champions League, pareggia 1-1 contro l’Udinese e se oggi l’Inter batterà il Cagliari dovrà dire addio alla vetta della classifica. Alla Dacia Arena decide un gol di Beto al 17′, scattato sul filo del fuorigioco e bravo a battere Maignan al secondo tentativo. Brutta prestazione dei rossoneri, salvati da un’acrobazia di Ibrahimovic al 92′.

EUROPA: ARRIVEDERCI

 

Milan eliminato dalla Champions League, senza il paracadute dell’Europa League. I rossoneri di Pioli sono stati sconfitti 1-2 in rimonta dal Liverpool nell’ultima gara del girone, chiudendo così all’ultimo posto. Illusorio il vantaggio di Tomori al 29′ sugli sviluppi di un corner. Al 33′ Salah ha firmato il pareggio su una respinta di Maignan, mentre al 55′ Origi ha capitalizzato di testa un errore tecnico dello stesso Tomori.

MILAN: TUTTO FACILE CON LA SALERNITANA

Il Milan ha aperto con una vittoria la 16^ giornata di Serie A, battendo 2-0 in casa la Salernitana. Sono bastati diciotto minuti ai rossoneri senza Ibra (in panchina) per chiudere la pratica contro l’ultima della classe. Al 5′ Kessie ha infilato l’angolino sfruttando l’assist di Leao per il vantaggio, poi al 18′ è arrivato il raddoppio di Saelemaekers con dedica all’infortunato Kjaer. Nella ripresa tante occasioni per il Milan, ma nessun gol.

 

LA VIOLA FERMA IL DIAVOLO

Prima sconfitta stagionale per il Milan di Pioli che nell’anticipo serale della 13^ giornata di Serie A è stato battuto 4-3 dalla Fiorentina. Viola avanti al 15′ con Duncan dopo una papera di Tatarusanu, raddoppio di Saponara con un tiro a giro dal limite al 46′. Nella ripresa sfida tra Vlahovic e Ibrahimovic: tra un gol e l’altro del serbo (60′ e 85′) c’è stata la doppietta dello svedese (62′ e 67′). Autorete di Venuti a tempo scaduto.